Garante per la protezione
    dei dati personali

Newsletter

SI ALL'USO DELLA PEC NEI GIUDIZI DINANZI ALLA CORTE DEI CONTI

Notificazioni ecomunicazioni con dati sensibili solo per estratto

 

Parere favorevole del Garante privacy su uno schemadi decreto della Presidenza della Corte dei conti contenente le prime regoletecnico-operative per l'utilizzo della posta elettronica certificata (Pec) neigiudizi dinanzi alla magistratura contabile.  Sezioni giurisdizionalie  procure della Corte dei conti potranno dunque impiegare la Pec perl'invio e la ricezione di atti processuali, pre-processuali o istruttori e, piùin generale, per la trasmissione di documenti e per ogni comunicazione in cuisia necessaria una ricevuta.

 

Nel dareil via libera, l'Autorità ha tuttavia segnalato alla Corte la necessità diindividuare, nelle istruzioni tecnico-operative che la Direzione generale per iservizi informativi automatizzati dovrà emanare, specifiche tutele a protezionedei  dati sensibili in linea con le modalità di trattamento già previsteper il processo civile. Per quest'ultimo, infatti, si prevede che lenotificazioni o  le comunicazioni, nonché i depositi e gli scambi in viatelematica di atti e documenti contenenti dati sensibili siano effettuati soloper estratto, mettendo a disposizione l'atto integrale in un'apposita area delportale dei servizi telematici, ove dovrà essere accessibile all'interessatogarantendo l'identificazione dell'autore dell'accesso e la tracciabilitàdell'operazione.

 

Loschema di decreto sottoposto all'Autorità prevede, in linea generale, che tutte le comunicazioni e notificazioni siano effettuate solo per via telematicatramite l'invio di un messaggio dall'indirizzo PEC della segreteria dellasezione giurisdizionale all'indirizzo PEC del destinatario; anche il pubblicoministero può effettuare le notificazioni direttamente tramite PEC, secondo leregole tecniche previste per le segreterie delle sezioni giurisdizionali. Gliavvocati abilitati, invece, possono utilizzare la PEC in base alle disposizionitecniche stabilite per il processo civile.

 

Ulterioriregole tecniche ed operative saranno stabilite con successivi decreti rispettoai quali il Garante valuterà la compatibilità e la coerenza con la disciplinain materia di protezione dei dati personali.