Garante per la protezione
    dei dati personali


Esonero dall'obbligo dinotificazione del trattamento di dati genetici effettuato da organismi dimediazione

PROVVEDIMENTO DEL 24GIUGNO 2011


(Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 161 del 13 luglio 2011)

 

Registro dei provvedimenti
n. 259 del 24giugno 2011

IL GARANTE PER LAPROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

NELLA riunione odierna, in presenza del prof. Francesco Pizzetti,presidente, del dott. Giuseppe Chiaravalloti, vice presidente, del dott. MauroPaissan e del dott. Giuseppe Fortunato, componenti, e del dott. Daniele DePaoli, segretario generale;

VISTO l'art. 37, commi 1 e 2, del Codice in materia di protezione deidati personali (d.lg. 30 giugno 2003, n. 196, di seguito "Codice");

RILEVATO che tale Codice indica i trattamenti da notificare al Garantee demanda a questa Autorita' il compito di individuare, tra essi, quellisottratti all'obbligo di notificazione purché non suscettibili di recarepregiudizio ai diritti e alle liberta' dell'interessato in ragione delle modalita'di trattamento e della natura dei dati (art. 37, comma 2);

RILEVATO che il medesimo Codice demanda altresi' al Garante il compitodi individuare ulteriori trattamenti in aggiunta a quelli elencati nellapredetta disposizione;

VISTO il d.lg. 4 marzo 2010, n. 28 di attuazione dell'art. 60 dellalegge 18 giugno 2009, n. 69 in materia di mediazione finalizzata allaconciliazione delle controversie civili e commerciali e il d.m. 18 ottobre2010, n. 180, regolamento recante la determinazione dei criteri e delle modalita'di iscrizione e tenuta del registro degli organismi di mediazione e dell'elencodei formatori per la mediazione;

VISTO il provvedimento del Garante recante individuazione dei tipi didati e di operazioni eseguibili in relazione alla finalita' di rilevanteinteresse pubblico di cui all'art. 71, comma 1 del Codice, per le attivita'svolte da soggetti pubblici per la mediazione finalizzata alla conciliazionedelle controversie civili e commerciali (Deliberazione 21 aprile 2011, n. 160);

VISTA l'autorizzazione del Garante al trattamento dei dati sensibilinell'attivita' di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversiecivili e commerciali (Deliberazione 21 aprile 2011, n. 161);

VISTA l'autorizzazione del Garante al trattamento dei dati a caratteregiudiziario correlato all'attivita' di mediazione finalizzata alla conciliazionedelle controversie civili e commerciali (Deliberazione 21 aprile 2011, n. 162);

VISTA l'autorizzazione del Garante al trattamento dei dati geneticiemanata in data odierna con cui e' stato autorizzato il trattamento di tali datida parte degli organismi di mediazione;

VISTA la documentazione in atti;

RILEVATO che i trattamenti di dati genetici effettuati da organismi dimediazione nell'esercizio e con le modalita' proprie dell'attivita' di mediazionedi cui al d.lg. 4 marzo 2010, n. 28 e successive modificazioni e integrazionisono posti in essere con modalita' che permettono, allo stato, di sottrarliall'obbligo di notificazione, ferma restando l'osservanza degli ulterioriprincipi ed obblighi previsti dal Codice in materia di protezione dei datipersonali; cio' tenuto conto che gli organismi di mediazione possono venire aconoscenza di dati genetici in modo saltuario, non assumendo l'attivita' ditrattamento di tali dati carattere di costanza e prevalenza rispetto a quellaavente ad oggetto ogni altro tipo di dati personali; considerati, altresi', lepuntuali indicazioni sul trattamento dei dati personali contenute nelle citatedeliberazioni nn. 160, 161, 162 emanate dal Garante il 21 aprile 2011 e ilregime di pubblicita' dell'elenco dei soggetti abilitati all'attivita' dimediazione, tenuto e costantemente aggiornato dal Ministero della giustizia;

VISTE le osservazioni dell'Ufficio formulate dal segretario generaleai sensi dell'art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000;

RELATORE il dott. Giuseppe Chiaravalloti;

DELIBERA

A) di sottrarre all'obbligo di notificazione al Garante itrattamenti di dati genetici, rientranti nei casi previsti dall'art. 37, comma1, lett. a) del Codice, che siano effettuati da organismi di mediazionenell'esercizio e con le modalita' proprie dell'attivita' di mediazione di cui ald.lg. 4 marzo 2010, n. 28 e successive modificazioni e integrazioni;

B) di inviare copia della presente deliberazione all'Ufficiopubblicazione leggi e decreti del Ministero della giustizia ai fini della suapubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 24 giugno 2011

Il presidente
Pizzetti

Il relatore
Chiaravalloti

Il segretario generale
De Paoli