Garante per la protezione
    dei dati personali


Comunicato Stampa

LEGGE DI STABILITA', PRECISAZIONIDELL'UFFICIO STAMPA DEL GARANTE PRIVACY



L'Ufficiostampa del Garante privacy precisa che:

      "Non è vero quanto riportato oggi da alcuni organi di informazionerelativamente alle assunzioni che il Garante per la protezione dei datipersonali potrà effettuare sulla base di quanto previsto dalla legge distabilità. Innanzi tutto, non è vero che esse costeranno 2 milioni di euro:infatti non comporteranno alcun onere aggiuntivo, in quanto, come scritto nellalegge, riguardano personale che già lavora da anni presso l'Autorità e quindiil loro costo – al pari della loro retribuzione - non varierà dopol'eventuale (dovranno superare un nuovo concorso) stabilizzazione.Semplicemente, fin dall'istituzione dell'Autorità, era stato previsto che unpiccolo contingente di persone che lavora stabilmente al Garante, venisseassunto a tempo determinato invece che a tempo indeterminato. E, poiché ilrecente decreto sulle stabilizzazioni nella pubblica amministrazione,paradossalmente impediva il rinnovo proprio di questi contratti, il legislatoreha voluto impedire tale palese iniquità, foriera di possibili contenziosi. Idue milioni si riferiscono invece alla quota che le altre sei Autorità trasferisconoal Garante per il finanziamento complessivo della sua attività: per unasvista, nel testo iniziale della legge di stabilità, che deve considerare iltriennio di riferimento, si era prevista la copertura solamente per il 2014 eper il 2015, ed il Governo ha opportunamente corretto l'errore inserendo ancheil 2016.

    Non è vero soprattutto, come qualcuno malignamente vorrebbe fare intendere, chesi tratterebbe di assunzioni di sapore clientelare. Come chiaramenteevidenziato dalla legge, potranno essere assunte solo persone che abbiano giàsuperato una procedura selettiva pubblica. Per assicurare la presenza dellemigliori professionalità e premiare il merito, negli anni il Garante, pur nonessendo tenuto a farlo, ha infatti selezionato tali persone con procedurepubbliche, per titoli ed esami. Inoltre, per accedere alla selezione, icandidati dovranno avere maturato almeno tre anni di servizio presso l'Autorità.

      Daultimo, una notazione ancor più rilevante, il Garante ogni giorno vedeaccrescere i suoi compiti, dovendosi occupare di delicatissime questioni chevanno dalle grandi banche dati pubbliche al Datagate, dalle intercettazionialla tutela dei minori esposti a siti web e mezzi di informazione: per svolgeretali funzioni ha un contingente molto qualificato, ma altrettanto limitato. Adoggi vi lavorano infatti solo 123 persone. Un numero decisamente inferiore aquello delle corrispondenti autorità dei maggiori paesi europei, con i quali cidobbiamo confrontare ogni giorno. Il Governo, dopo ripetuti incontri nelle sediistituzionali, ha riconosciuto la fondatezza delle nostre richieste e ci haaiutato a mantenere i pochi che già lavorano per noi. Tuttavia da tempochiediamo che il nostro contingente venga decisamente incrementato, magarianche attingendo –attraverso selezioni pubbliche e trasparenti- alpersonale già assunto dalle altre amministrazioni pubbliche".



Roma, 3 gennaio 2014