Garante per la protezione
    dei dati personali


Ordinanza di ingiunzione nei confrontidi sig. Jin Bangsheng

PROVVEDIMENTO DEL 10 APRILE 2014

Registro dei provvedimenti
 n. 189 del 10 aprile 2014

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATIPERSONALI

NELLAriunione odierna, alla presenza del dott. Antonello Soro, presidente, delladott.ssa Augusta Iannini, vicepresidente, della dott.ssa Giovanna BianchiClerici e della prof.ssa Licia Califano, componenti e del dott. Giuseppe Busia,segretario generale;

RILEVATOche la Legione Carabinieri "Campania", nel corso di accertamentiamministrativi,  svolti in data 14 aprile 2012, rilevava che presso lasede della società Grande Riccone srl, sito in Napoli, via Molise n. 11, venivaeffettuato un trattamento di dati personali per mezzo di un impianto divideosorveglianza, composto di 14 telecamere, a fronte del quale venivariscontrata l'assenza dell'informativa di cui all'art. 13 del d.lgs. 30 giugno2003 n. 196, recante il Codice in materia di protezione dei dati personali (diseguito "Codice");

VISTOil verbale n. 48/6 del 14 aprile 2012, con cui è stata contestata al sig. JinBangsheng, nato a Zhejiang (RPC) l'11.08.1962 e già residente a Napoli, in viaCarlo Di Tocco n. 11/B, e attualmente in via Ferrara n. 40, in qualità dirappresentante legale pro-tempore della Grande Riccone srl, e alla stessa inqualità di obbligato in solido, la violazione amministrativa prevista dall'art.161 del Codice, in relazione all'art. 13, informandolo della facoltà dieffettuare il pagamento in misura ridotta ai sensi dell'art. 16 della legge 24novembre 1981 n. 689;

RILEVATOche dal rapporto predisposto ai sensi dell'art. 17 della legge 24 novembre 1981n. 689 dalla Legione Carabinieri "Campania" non risulta effettuato ilpagamento in misura ridotta;

CONSIDERATOche la parte non risulta essersi avvalsa delle facoltà previste dall'art. 18della legge 24 novembre 1981 n. 689 (non presentando all'Autorità scrittidifensivi né chiedendo di essere ascoltata);

RILEVATO,pertanto, che il sig. Jin Bangsheng, CF. JNIBGS62M11Z210Z, nato a Zhejiang(RPC) l'11.08.1962 e residente a Napoli, in via Ferrara n. 40, in qualità dirappresentante legale pro-tempore della grande Riccone srl, ha effettuato untrattamento di dati personali ai sensi dell'art. 4, comma 1, lett. a) e b) delCodice, mediante un sistema di videosorveglianza, omettendo di renderel'informativa agli interessati prevista dall'art. 13 del medesimo Codice e dalprovvedimento generale sulla videosorveglianza, adottato dal Garante l'8 aprile2010;

VISTOl'art. 161 del Codice che punisce la violazione delle disposizioni di cuiall'art. 13 con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma daseimila euro a trentaseimila euro;

RITENUTOche ricorrono le condizioni per applicare l'art. 164-bis, comma 1, del Codiceil quale prevede che se taluna delle violazioni di cui agli artt. 161, 162, 163e 164 è di minore gravità, i limiti minimi e massimi stabiliti negli stessiarticoli sono applicati in misura pari a due quinti;

CONSIDERATOche, ai fini della determinazione dell'ammontare della sanzione pecuniaria,occorre tenere conto, ai sensi dell'art. 11 della legge 24 novembre 1981 n.689, dell'opera svolta dall'agente per eliminare o attenuare le conseguenzedella violazione, della gravità della violazione, della personalità e dellecondizioni economiche del contravventore;

RITENUTOdi dover determinare, ai sensi dell'art. 11 della legge 24 novembre 1981 n.689, l'ammontare della sanzione pecuniaria, nella misura di euro 4.800,00(quattromilaottocento);

VISTAla documentazione in atti;

VISTAla legge 24 novembre 1981 n. 689, e successive modificazioni e integrazioni;

VISTEle osservazioni dell'Ufficio, formulate dal segretario generale ai sensidell'art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000;

RELATOREil dott. Antonello Soro;

ORDINA

alsig. Jin Bangsheng, CF. JNIBGS62M11Z210Z, nato a Zhejiang (RPC) l'11.08.1962 eresidente a Napoli, in via Ferrara n. 40, in qualità di rappresentante legalepro-tempore della Grande Riccone srl, e alla stessa in qualità di obbligato insolido, di pagare la somma di euro 4.800,00 (quattromilaottocento) a titolo disanzione amministrativa pecuniaria per la violazione prevista dall'art. 161 delCodice indicata in motivazione;

INGIUNGE

almedesimo soggetto di pagare la somma di euro 4.800,00 (quattromilaottocento)secondo le modalità indicate in allegato, entro 30 giorni dalla notificazionedel presente provvedimento, pena l'adozione dei conseguenti atti esecutivi anorma dall'art. 27 della legge 24 novembre 1981, n. 689, prescrivendo che,entro il termine di giorni 10 (dieci) dal versamento, sia inviata a questaAutorità, in originale o in copia autentica, quietanza dell'avvenutoversamento.

Aisensi degli artt. 152 del Codice e 10 del d.lg. n. 150/2011, avverso ilpresente provvedimento può essere proposta opposizione all'autorità giudiziariaordinaria, con ricorso depositato al tribunale ordinario del luogo ove ha laresidenza il titolare del trattamento dei dati, entro il termine di trentagiorni dalla data di comunicazione del provvedimento stesso, ovvero di sessantagiorni se il ricorrente risiede all'estero.

Roma, 10 aprile 2014

Il presidente
Soro

Il relatore
Soro

Il segretario generale
Busia