Eye-tracking come strumento di test preliminare per le campagne pubblicitarie. Rilevazioni biometriche e neuronali per personalizzare i contenuti di realtà virtuale. Ed un invito alla prudenza.

Leggi qui la predizione sulla webzine Advertising Age