Secondo il GDPR, infatti, il Data Protection Officer non risponde personalmente per l’inosservanza della normativa di privacy da parte dell’azienda per cui presta i propri servizi. A rispondere saranno, come sempre, il Titolare e, laddove ricorrenti, il/i Responsabie/i del trattamento.